[Visioni] Outrage Coda (Takeshi Kitano, 2017)

Povero Takeshi. Ci ha provato davvero in tutti i modi a smarcarsi dal genere cinematografico che lo ha reso celebre, pur di non sentirsi più affibbiare l’etichetta di “regista violento” (un po’ come, agli esordi, si impegnò a dissacrare la propria consolidata fama di cabarettista televisivo): ma alla fine, rieccolo qua a cantare le gesta … Leggi tutto [Visioni] Outrage Coda (Takeshi Kitano, 2017)

Pubblicità